Il Cammino di Sant’Olav

Design system

ITINERARI

L’itinerario di Sant’Olav – patrono di Norvegia – è un cammino di pellegrinaggio che si snoda nel Nord Europa, attraverso Norvegia, Svezia e Danimarca per giungere a Trondheim, riconosciuto come Itinerario Culturale Europeo del Consiglio d’Europa nel maggio 2010.

Come percorrerlo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Distanza

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Durata

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Olav, al secolo Olav Haralsson, era il re degli Scandinavi. Nacque nel 995 e fu martirizzato a Stiklestad, vicino a Trondheim, il 29 luglio 1030. Dedicò la vita all’obiettivo di unire la Norvegia in un grande Regno cristiano: a questo fine, coltivò rapporti significativi con i Conti di Normandia, con i reali d’Inghilterra e con la Russia.
Inseguendo questo suo ideale, condusse alla battaglia di Stiklestad, dove venne ucciso.
Nel 1031, il vescovo Grimkjell lo proclamò Santo e – da allora – iniziarono i pellegrinaggi alla sua tomba: numerose chiese e cappelle sono a lui dedicate, in tutta Europa.

La storia di Sant’Olav, con particolare riferimento al tema dei diritti delle donne e alla costituzione di una struttura democratica legata alla Norvegia (la “Legge di Sant’Olav” è alla base della Costituzione norvegese) ne fanno un soggetto di studio sempre interessante ed attuale.

Con la riscoperta del pellegrinaggio nella seconda metà del XX sec., è stato fatto un importante lavoro di recupero di questi sentieri, con particolare attenzione alla segnaletica e alla manutenzione degli stessi.

Obiettivi dell’itinerario culturale sono, tra gli altri:

  • incoraggiare alla visita dei diversi Santuari europei che veicolano una cultura ed un’espressione religiosa diversa dalla propria;
  • evidenziare il legame tra il Cammino di Santiago e i Paesi del Nord Europa;
  • incoraggiare gli studi sulla figura di Sant’Olav e sui pellegrinaggi;
  • valorizzare le tradizioni locali legate all’enogastronomia, alla storia e alla cultura.

La strada di Oslo, un percorso di 930 Km che, dalla capitale norvegese arrivava a Stiklestad passando attraverso la valle Gudbrand e la strada della Svezia, è stata risistemata. L’iniziativa è stata presa dal Ministero dell’Ambiente norvegese, insieme alle collettività locali, alle parrocchie, alle associazioni e a numerosi volontari. Il percorso ufficiale è stato inaugurato nel 2007 dal Principe di Norvegia. Al momento, la segnaletica è stata posata sui percorsi che attraversano la Norvegia per circa 2.000 Km.

In Danimarca, invece, l’interesse per i cammini di pellegrinaggio si è sviluppato più tardi: il centro per pellegrini di Viborg è stato inaugurato nel 2004, in collaborazione con la regione del Nord e del lo Jutland. Il cammino dell’Haerveien, la strada dell’esercito, è lungo 250 Km e già dotato di segnaletica.

Scroll to Top