Appennino Bike Tour

Design system

ITINERARI

​Appennino Bike Tour è un’iniziativa promossa da Vivi Appennino e Confcommercio Ascom del territorio bolognese, avviata per valorizzare la montagna locale, in seguito estesa all’intera Dorsale appenninica: un’unica realtà territoriale che percorre tutta l’Italia, dalla Liguria alla Sicilia.

Come percorrerlo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Distanza

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Durata

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Del sodalizio, oltre alla visione che collima con lo spirito del Sentiero Italia, ci convince l’approccio: parlare di ambiente e territorio in modo differente e propositivo, facendo un passo in avanti rispetto ai molti che si soffermano all’analisi delle criticità. Con la stima doverosa verso chi non si limita a proporre ma agisce.

Unendo i rappresentanti di Istituzioni di tutto il Paese e sensibilizzando cittadini e comunità sull’importanza di valorizzare i territori appenninici, Appennino Bike Tour è riuscito nell’impresa di percorrere a pedali l’intera dorsale. Con l’idea di valorizzare la montagna che tiene unito il nostro Paese, attraversandolo per intero da Nord a Sud, proponendo un modello di sviluppo che punti su forme di turismo sostenibile.

La loro iniziativa ci pone di fronte ad un eccezionale racconto educativo e ambientale dell’Italia della biodiversità e, al tempo stesso, ad una profonda sfida che riguarda la “colonna vertebrale” d’Italia: gli Appennini, con i suoi splendidi Borghi, con i Parchi che la rendono unica al Mondo, con le comunità locali che difendono costumi e tradizioni.

Partendo dalla messa in rete del territorio e dall’idea di valorizzare le strade secondarie, sono state poste le basi per creare la più grande ciclovia d’Italia, promuovendo così l’Appennino come luogo del turismo sostenibile e non soltanto del dissesto idrogeologico, delle necessità di rilancio socioeconomico o della crisi aggravata dai danni del sisma.
Sport e viaggio come modelli per ragionare di accoglienza e di ospitalità, non per piangere lo spopolamento: un cambio di prospettiva che Cammini d’Europa sostiene e incoraggia, mettendosi a disposizione per valorizzare gli Appennini come una unica grande riserva di valore per gli italiani di oggi e di domani.

OGNI ANNO UN GIRO

Appennino Bike Tour propone ogni anno di percorrere con una staffetta gli oltre 2.600 chilometri della Ciclovia, in un periodo primaverile che impegna circa due settimane.

Ogni giorno si effettuano mediamente quattro soste, una per ciascuno dei 43 Comuni Tappa, fino ad arrivare a completare il Giro ad Alia, in provincia di Palermo.

Chilometro dopo chilometro, i partecipanti incontrano le comunità locali e confermano l’impegno comune a valorizzare le centinaia di bellezze che caratterizzano il percorso lungo l’intera Dorsale.

Un evento che abbina la passione per lo sport alle peculiarità del territorio, consentendo di scoprire le numerose eccellenze tra borghi, riserve naturali, castelli ed eventi, richiamando l’attenzione di cittadini, appassionati di ciclismo, amministrazioni locali e pro loco, tutti invitati a partecipare e ad offrire il benvenuto al passaggio della staffetta.


DOVE NASCE IL TEVERE

Con Vivi Appennino anche il raduno nazionale e-bike sull’Appennino Tosco Romagnolo: ogni anno, due giorni dedicati alla scoperta delle meraviglie naturali dell’incontaminato territorio al confine tra Romagna e Toscana, tra boschi e paesaggi che circondano il patrimonio UNESCO di Sassofratino, nel cuore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Un territorio da esplorare, che si estende dalla cima del Monte Fumaiolo dove prende vita il Fiume Tevere, a Bagno di Romagna nel suo antico borgo e stazione termale, sino ad arrivare a Santa Sofia ed alla maestosa Diga di Ridracoli.

Scroll to Top