Muoversi in bici a Roma (un vademecum)

Design system

ITINERARI

Era il 2005 quando fu finalmente completato l’itinerario ciclopedonale lungo il Tevere, in tutta l’area centrale della Città eterna; non una infrastruttura dedicata, costruita ex-novo, ma la sistemazione della banchina che corre poco sopra il livello medio del fiume.

Come percorrerlo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Distanza

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

Durata

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Ut elit tellus, luctus nec ullamcorper mattis, pulvinar dapibus leo.

L’itinerario inizia dal piazzale ponte Milvio a Tor di Quinto; sulla destra la pista scende alcuni metri sotto il livello delle strade, ma resta comunque diversi metri sopra il livello medio del Tevere; questo primo tratto è quindi praticabile anche in inverno.
La pista corre sotto gli impianti del Foro Italico, sottopassa il ponte e risale all’altezza stradale a piazzale Maresciallo Giardino. Qui si può proseguire sulla pista di viale Angelico verso il quartiere Prati.

Girando a sinistra si prosegue invece su una pista ricavata sul marciapiede del lungotevere; questo tratto finisce a ponte Risorgimento, dove si può girare a sinistra, passare il ponte e proseguire sulla pista per Valle Giulia e Villa Borghese.

Poco prima di ponte Risorgimento una discesa piuttosto ripida porta invece alla pista sulla banchina del Tevere. Qui la pista è asfaltata nel primo tratto, poi prosegue su selciato (i classici sanpietrini), offre una vista insolita di Roma, vista dal basso e chiusa dai muraglioni costruiti a fine ottocento per contenere le piene del Tevere.
Si sottopassano i ponti storici di Roma dal ponte di Castel Sant’Angelo a quelli dell’Isola Tiberina, dove c’è forse lo spettacolo più suggestivo di questa Roma vista dal basso.
Attenzione: in questo tratto centrale non ci sono rampe per salire o scendere, ma solo scalinate; chi vuole risalire al piano stradale deve quindi portare la bici in spalla.

La pista prosegue sotto il lungotevere di Ripa fino a porta Portese, dove c’è una rampa per risalire sul Lungotevere e ritrovare il fondo asfaltato. Poco dopo, la pista sottopassa l’anello ferroviario e quindi il ponte dell’Industria.

Di qui l’itinerario prosegue nella zona sud di Roma, con una pista ciclabile che corre sull’argine destro del Tevere, da ponte Sublicio fino al ponte della Magliana presso l’EUR, dove il tracciato attraversa il fiume su una corsia ricavata sul lato nord del ponte.

Tornata a correre sull’argine sinistro del Tevere, la pista costeggia l’EUR e poi l’ippodromo di Tor di Valle fino al ponte del G.R.A. di Mezzocammino, da dove – per proseguire – vi suggeriamo di seguire le indicazioni offerte dagli amici della Regina Ciclarum.

Scroll to Top